MASTER EBIT

COMPETENZE DIGITALI PER LAVORARE CON EFFICACIA
IN PRESENZA E DA REMOTO

CONOSCENZE DIGITALI PER IL LAVORATORE AGILE, CLOUD, INDICATORI SALUTE DIGITALE PA,
NUOVE TECNOLOGIE DA REMOTO, RISCHI INFORMATICI SMART WORKING,
MISURE DI SICUREZZA E RACCOMANDAZIONI AGID

IDENTITÀ E DOMICILI DIGITALI, DOCUMENTI INFORMATICI, FIRMA ELETTRONICA,
GESTIONE DOCUMENTALE, FASCICOLAZIONE E CONSERVAZIONE, CODICE DI CONDOTTA TECNOLOGICA

Print Friendly and PDF  

NovitàDal 1° luglio 2021 sono consentiti i corsi di formazione in presenza
Art. 10 D.L. 18 maggio 2021, n. 65 (Corsi di formazione) – Decreto “Riaperture bis” (GU Serie Generale n.117 del 18-05-2021)
“Dal 1° luglio 2021, in zona gialla, i corsi di formazione pubblici e privati possono svolgersi anche in presenza,
nel rispetto di protocolli e linee guida adottati ai sensi dell’articolo 1, comma 14, del decreto-legge n. 33 del 2020”

Tutte le strutture che ospitano i Master EBIT rispettano i protocolli e le linee guida di sicurezza SARS-Cov-2 vigenti

DATE E SEDI:

1° edizione: 5, 6, 7, 8 e 9 luglio 2021GIARDINI NAXOS, UnaHotels Naxos beach

2° edizione: 12, 13, 14, 15 e 16 luglio 2021 - ALGHERO, Hotel El Faro
3° edizione: 30, 31 agosto, 1, 2 e 3 settembre 2021 - VIAREGGIO, Hotel Astor

4° edizione: 6, 7, 8, 9 e 10 settembre 2021 - OTRANTO, Hotel Basiliani


  • DURATA ED ORARI: 5 giorni (ore: 9:00 - 14:00)

  • QUOTE INDIVIDUALI DI PARTECIPAZIONE: €950 a persona + iva
    (iva esente per gli Enti Pubblici ai sensi dell’art. 14, comma 10, L. 537/1993)

    Promo 1 Partecipante - 2000-53%=950

  • OFFERTA SPECIALE!
                   Promo 1 Partecipante - 6000-68%=1900
  • DESTINATARI: dirigenti, funzionari e dipendenti

  • OBIETTIVI: Il Master intende fornire le adeguate competenze digitali e la capacità di utilizzare le nuove tecnologie per lavorare con efficacia ed efficienza sia in presenza che da remoto nella Pubblica Amministrazione.
    In tema di requisiti tecnologici ed indicatori afferenti allo smart working nella Pubblica Amministrazione il Master fornisce altresì utili indicazioni ai fini della redazione del Piano Organizzativo Lavoro Agile (POLA) o, in alternativa, del Regolamento dell’Ente.

  • METODOLOGIA DIDATTICA: lezioni frontali dinamiche e interattive, autocasi, simulazioni, lavori di gruppo.

  • DOCENTI:

    dott. ALFONSO PISANI, Responsabile servizio di innovazione tecnologica, sistemi informativi e gestione documentale informatizzata Ente Locale; Esperto in digitalizzazione dei flussi documentali, e-procurement, fatturazione elettronica e protezione dei dati nell’ambito pubblico; Autore di libri e articoli in materia; Docente EBIT Scuola di Formazione e Perfezionamento per la P.A. (www.infoebit.com) e PA360 Formazione online per la Pubblica Amministrazione (www.pa-360.it)

    ing. ANTONIO CAPODIECI, Dottore di Ricerca in Ingegneria dell’Informazione; Docente di Informatica per l’Ingegneria presso il Politecnico di Bari; Esperto in Privacy e Digitalizzazione; Docente EBIT Scuola di Formazione e Perfezionamento per la P.A. (www.infoebit.com) e PA360 Formazione online per la Pubblica Amministrazione (www.pa-360.it)

  • DIRETTORE DIDATTICO: dott. MICHELE PETRONE, Project Manager; Direttore EBIT Scuola di Formazione e Perfezionamento per la P.A. (www.infoebit.com)


PROGRAMMA
I Modulo:
REQUISITI TECNOLOGICI, CLOUD ED INDICATORI DELLA SALUTE DIGITALE DELLA P.A. SMART

REQUISITI TECNOLOGICI: Il datore di lavoro come responsabile della sicurezza e del buon funzionamento degli strumenti tecnologici assegnati al lavoratore per lo svolgimento dell’attività lavorativa. Gli strumenti informatici forniti ai lavoratori agili dall’amministrazione di appartenenza (pc portatile o altro device informatico). Gli strumenti informatici nella disponibilità del dipendente agile. Il principio del BYOD (Bring Your Own Device). I requisiti tecnologi previsti dal Piano Organizzativo Lavoro Agile (POLA). Le Linee guida 9 dicembre 2020 del Dipartimento della Funzione Pubblica.
GLI INDICATORI DELLA SALUTE DIGITALE: Capacità di utilizzare le tecnologie. Pc a disposizione per lavoro agile. Lavoratori dotati di dispositivi e traffico dati (messi a disposizione dall’Ente ovvero personali). Disponibilità di un sistema VPN. Intranet. Sistemi di collaboration (es., documenti in cloud). Applicativi consultabili da remoto. Strumenti di project e task management. Profilazione utenti. Tracciatura degli accessi. Protocollo digitale. Firma digitale. Disponibilità di caselle PEC per singolo ufficio. Digitalizzazione dei procedimenti amministrativi. Accessibilità online alla erogazione dei servizi o alla attivazione di procedimenti da parte degli utenti. Interoperabilità dei sistemi informativi, anche di altre amministrazioni. Banche dati consultabili da remoto. Open data. Processi digitalizzati. Servizi digitalizzati.
INTRANET, INTERNET ED EXTRANET: La Intranet ed Internet due ambienti differenti livelli di sicurezza. Le connessioni extranet. Tre possibili approcci: VPN, RDP, VDI.     
CLOUD COMPUTING: Il CAD e le nuove tecnologie dell’Informatica. I diversi modelli di Cloud Computing. Modelli di tariffazione. Esempi di applicazioni cloud. Vantaggi e svantaggi del Cloud Computing.
GLI INDICATORI ECONOMICO-FINANZIARI: Costi per formazione competenze digitali funzionali al lavoro agile. Investimenti in supporti hardware e infrastrutture digitali funzionali al lavoro agile. Investimenti in digitalizzazione di servizi, progetti e processi.

II Modulo:
COME UTILIZZARE LE NUOVE TECNOLOGIE DA REMOTO:
WEB, FILE SHARING, BANCHE DATI, PIATTAFORME ONLINE, VIDEOCHIAMATA

REPERIRE DATI ED INFORMAZIONI SUL WEB: Come destreggiarsi nella molteplicità delle fonti: motori di ricerca, siti ufficiali, fake news, social. Utilizzo dei dati scaricati dal web. Occorre acquisire al protocollo i dati scaricati da fonti ufficiali? I siti di file sharing (google drive, dropbox, ecc.) possono essere visitati? Quali sono i rischi? Utilizzare internet per la ricerca di dati e informazioni. L’uso dei motori di ricerca. Motori di ricerca interni e generalisti. I social un nuovo strumento da usare con cautela. Come il corretto uso dei social può favorire la crescita delle competenze. La pubblicazione dei documenti online sui siti web istituzionali delle amministrazioni: i requisiti di fruibilità ed accessibilità dei documenti informatici alla luce delle linee guida AGID sulla accessibilità degli strumenti informatici; i formati documentali e le caratteristiche tecniche.
LE BANCHE DATI PUBBLICHE A SUPPORTO DEI COMPITI ISTITUZIONALI: Le basi di dati di interesse nazionale. Il sito dati.gov.it. Organizzazione, archiviazione e gestione di informazioni, dati e contenuti digitali. L’archiviazione dei dati. Il concetto di archivio corrente di deposito e storico. Come si traducono nel mondo digitale i concetti di archiviazione cartacea con la conservazione digitale.
STRUMENTI DI COMUNICAZIONE DIGITALI: L’instant messaging: caratteristiche di un sistema di comunicazione istantaneo. I principali sistemi di comunicazione istantanea nel mondo fisso e mobile. I forum: un sistema di comunicazione non istantaneo. Come gestire e ricercare le informazioni in un forum, le regole di condotta.
ASPETTI PRATICI SUI SISTEMI DI VIDEOCHIAMATA E DI CONFERENCING: Skype, Zoom, Teams, ecc.

III Modulo:
I RISCHI INFORMATICI DELLO SMART WORKING: MISURE BASI DI SICUREZZA E RACCOMANDAZIONI AGID

RISCHI E MINACCE NEGLI AMBIENTI DIGITALI: La sicurezza informatica: proteggersi da chi e da cosa. I principali rischi per i dati: perdita di confidenzialità; distruzione; alterazione; indisponibilità. I principali rischi per gli utenti ed i sistemi: accesso abusivo; furto delle credenziali; impersonificazione. I principali tipi di attacco informatico: denial of service (DoS); distributed denial of service (DDoS). Le principali tipologie di software maliziosi informatici: malware in generale; virus; rootkit; cavalli di troia. I malware spia: Spyware e keylogger. I malware che ingannano: gli scareware/roguaware. I malware che ricattano: i ransomware. Il lavoro agile e l’uso dei dispositivi personali: una nuova fonte di rischio.

LE MISURE BASE DI SICUREZZA E LE RACCOMANDAZIONI DI CERT-PA DI AGID: L’impossibilità di ridurre a zero i rischi e l’importanza del contributo degli utenti. La custodia delle credenziali. L’uso consapevole della mail. La navigazione in rete. L’importanza di avere le postazioni di lavoro in dominio. L’aggiornamento del sistema operativo. Le buone prassi da adottare. La sicurezza informatica ed il lavoro agile: le 11 raccomandazioni a cura del Cert-PA di AgID e la loro applicabilità in contesti differenziati. La gestione corretta delle password. Gli attacchi a forza bruta. Gli attacchi a dizionario. La lunghezza della password. Il cambio periodico della password e come scegliere la nuova password. L’uso di lettere, numeri, caratteri speciali. Le sequenze di caratteri identici o gruppi di caratteri ripetuti. La mancanza di riferimenti agevolmente riconducibili all’utente. Non memorizzare la password in funzioni di log-in automatico, o nel browser utilizzato per la navigazione internet. Le implicazioni di sicurezza informatica per il lavoro agile e la sicurezza informatica dopo il D.L. 16 luglio 2020, n. 76 e il Piano Triennale per l’Informatica nella PA. Le novità della legge 11/09/2020, n. 120 in tema di sicurezza informatica.

IV Modulo:
LA MIGRAZIONE AL DIGITALE PER FAVORIRE IL LAVORO AGILE: IDENTITÀ E DOMICILI DIGITALI,
OBBLIGHI DI FORMAZIONE SULLE COMPETENZE DIGITALI E CODICE DI CONDOTTA TECNOLOGICA

DIGITALIZZAZIONE DELLA P.A., IDENTITÀ E DOMICILI DIGITALI: Il Codice dell’Amministrazione Digitale (d.lgs. 82/2005) dopo le modifiche della legge 120/2020 (Legge “Semplificazioni”). Il domicilio digitale. Gli elenchi dei domicili digitali ed i domicili speciali, la validità delle comunicazioni inter PA, tra PA e cittadino ed intra PA, scenari e casi d’uso. Identità digitale nel CAD e nel Regolamento Europeo 910/2014 (Eidas). La carta della cittadinanza digitale: i diritti del cittadino ad usufruire dei servizi in modalità digitale. Gli strumenti di autenticazione per accedere ai servizi online della PA. I principi digital first, once only, mobile first e digital identity only: una unica modalità di accesso ed un unico sportello virtuale al servizio di cittadini ed imprese.
IL SISTEMA PUBBLICO DI IDENTITÀ DIGITALE: livelli di autenticazione; differenza tra autenticazione e sottoscrizione di un documento informatico. Gli strumenti di autenticazione: Sistema pubblico per la gestione delle identità digitali (SPID); Carta identità elettronica (CIE); Carta Nazionale dei Servizi (CNS). SPID e CIE come esclusivo sistema di accesso ai sistemi on line della PA. Lo switch off dei sistemi di autenticazioni diversi da SPID.
OBBLIGHI E SCADENZE DELLA LEGGE N. 120/2020: Il CAD e le nuove tecnologie dell’Informatica. I diversi modelli di Cloud Computing. Il Consolidamento e la razionalizzazione delle infrastrutture digitali. L’obbligo di integrazione con le piattaforme abilitanti. App IO, Pago PA, roadmap per transizione dei servizi al digitale. Domicilio digitale. Firme. Piattaforma per la notificazione digitale degli atti della pubblica amministrazione; I rapporti tra Anagrafe Nazionale della Popolazione Residente e l’INAD (Indice nazionale dei domicili digitali delle persone fisiche e degli altri enti di diritto privato non tenuti all’iscrizione in albi professionali o nel Registro Imprese). Gli obblighi di formazione sulle competenze digitali. Il codice di condotta tecnologica. I rapporti con i consulenti esterni nei progetti di trasformazione digitale e per attività di formazione. Le responsabilità dirigenziali per il mancato rispetto del Codice di codice di condotta tecnologica. La responsabilità dirigenziale e disciplinare e la segnalazione alla competente procura regionale della Corte dei Conti. Il Ruolo del RTD. Gli adeguamenti tecnologici necessari per la PA smart. La programmazione degli acquisti. Il coordinamento nello sviluppo dei sistemi informativi, in coerenza con gli obiettivi dell’agenda digitale italiana ed europea e nel rispetto del codice di condotta tecnologica. Le PA e i rapporti con gli esperti esterni nello sviluppo e nella gestione di processi complessi di trasformazione tecnologica e progetti di trasformazione digitale. Piattaforma per la notificazione digitale degli atti della pubblica amministrazione.

IL LAVORO AGILE ED I SISTEMI INFORMATIVI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: progettazione e sviluppo.

V Modulo:
DOCUMENTI INFORMATICI, FIRMA ELETTRONICA, GESTIONE DOCUMENTALE,
FASCICOLAZIONE E CONSERVAZIONE DA REMOTO: CONOSCENZE FONDAMENTALI PER IL LAVORATORE AGILE

DOCUMENTO INFORMATICO E DOCUMENTO ELETTRONICO: I documenti elettronici ed i documenti informatici: definizioni e differenze nella normativa europea e nazionale. Copie, duplicati, copie per immagine e copie conformi: differenze e analogie con il mondo cartaceo e validità giuridica. Valore legale del documento informatico. Valore legale della firma digitale e del timbro digitale. La firma digitale: definizione, validità in un procedimento amministrativo ed in sede probatoria. Il timbro digitale ed i sigilli elettronici: definizioni, validità in un procedimento amministrativo ed in sede probatoria. Differenza con le firme digitali. Esempi di casi d’uso di firma digitale.
LE LINEE GUIDA AGID SULLA FORMAZIONE, GESTIONE E CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI INFORMATICI: I documenti informatici: il ciclo di vita di un documento. Le linee guida sulla formazione del documento informatico. I requisiti dei documenti informatici: integrità, immodificabilità, autenticità, apertura, leggibilità, fruibilità ed accessibilità. I formati accettati per i documenti informatici: quali sono e perché. La produzione, la gestione, la fascicolazione, la conservazione e lo scarto: un processo da gestire a norma non solo per un obbligo giuridico. Richiami sui diversi tipi di firme elettroniche. Le firme elettroniche semplici. Le firme elettroniche avanzate. Le firme qualificate. Le firme digitali. Le regole tecniche, l’inquadramento normativo nazionale ed europeo (CAD, Eidas). Le differenze dal punto di vista tecnico e legale tra le varie tipologie di firma. Il sigillo elettronico: una firma digitale di una persona giuridica. Casi d’uso del sigillo elettronico. L’uso delle firme elettroniche e dei sigilli elettronici nei procedimenti amministrativi.

GESTIONE DOCUMENTALE E CONSERVAZIONE DA REMOTO: Protocollazione. Smistamento. Fascicolazione all’interno di un procedimento amministrativo. Il manuale di gestione documentale: un manuale di processo. La validazione temporale dei documenti informatici. Marcatura temporale. Segnatura di protocollo. La posta elettronica certificata come strumento di certificazione temporale. La conservazione digitale. Linee guida e regole tecniche. Il Responsabile della conservazione. La conservazione come strumento di certificazione temporale dei documenti.


CERTIFICAZIONE RILASCIATA: 

Al termine del Master i partecipanti effettueranno una prova di verifica finale dell’apprendimento, consistente in quiz a risposta multipla.
In caso di superamento, EBIT Scuola di Formazione e Perfezionamento per la P.A. rilascerà l’attestato finale di partecipazione e di profitto.

NOTE OPERATIVE: 

In relazione al numero delle adesioni pervenute EBIT, 7 giorni prima del Master, fornisce agli iscritti conferma o disdetta scritta dello stesso a mezzo e-mail.
È possibile sostituire i nominativi degli iscritti in ogni momento.
Le quote di partecipazione sono + iva (iva esente per gli Enti Pubblici ai sensi dell’art. 14, comma 10, L. 537/1993).
Marca da bollo da €2 e spese bancarie sono a carico dell’Ente.
In caso di acquisti sul MePA fino a €5.000 le tariffe suindicate sono maggiorate di € 30 per spese amministrative e di gestione.
La partecipazione al Master include accesso aula + coffee break + materiale didattico (accessibile da area riservata) + block notes e penna + attestato di partecipazione e profitto.

COORDINATE BANCARIE: 

EBIT srl
Fineco Banca SpA, Largo Anzani n. 3 - 00128 Roma c/c: 000003442537 ABI: 03015 CAB: 03200 IBAN: IT03U0301503200000003442537



 

EBIT srl
Viale della Libertà, 197/A - 73100 Lecce
C.F. e P.I.: 03814900753
PEC: ebitsrl@pec.it

EBIT CORSI DI ALTA FORMAZIONE
E MASTER SPECIALISTICI
PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

Kiwa Accredia

EBIT è in possesso del Certificato del Sistema di Gestione per la Qualità ISO 9001:2015 (Settore EA 37, 35) rilasciato da Kiwa Cermet Italia

Print Friendly and PDF  

© Tutti i diritti riservati 2021 infoebit.com - Corsi di alta formazione e Master specialistici per la Pubblica Amministrazione

Questo sito web utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la navigazione. Per saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.
Cliccando su "OK" acconsenti all’uso dei cookie
Ok